Ricerca libera
Archivio (5)
ELETTROCARDIOGRAMMA DA SFORZO

È anche chiamata "prova da sforzo". Si tratta di un elettrocardiogramma effettuato durante uno sforzo fisico eseguito su una cyclette o su un tappeto rotante (tapis roulant)

Consiste nel registrare l’elettrocardiogramma e la pressione arteriosa mentre il Paziente pedale (con carichi di lavoro crescenti) su una cyclette o cammina su un tapis roulant.

L’uso più comune di questo esame è per valutare l’eventuale sofferenza sotto sforzo del cuore e quindi diagnosticare una malattia delle coronarie (le arterie che irrorano il cuore). Il vaso ristretto per l’aterosclerosi impedisce che il flusso di sangue aumenti. Perciò, quando il cuore ha bisogno di più sangue (come accade durante lo sforzo) si verifica quella che in termini medici si chiama “ischemia”. Si tratta di una sofferenza di una o più zone del cuore che si manifesta con dolore al petto ed alterazioni dell’elettrocardiogramma.

Come posso prepararmi alla prova da casa?

Al momento della prescrizione del test il Cardiologo Le dirà se esso deve essere condotto sospendendo alcuni dei farmaci che sta prendendo. Sia molto scrupoloso nel seguire queste indicazioni

Rispetti le istruzioni che Le verranno date prima dell’inizio del test.

 Se svolge la prova dopo pranzo, faccia un pasto leggero senza alcool, tabacco o caffè.

Indossi abiti ampi, facili da sbottonare sul torace, e scarpe comode.

Dopo la prova può ripartire con i propri mezzi e riprendere la normale attività, oppure può farsi venire a prendere da qualcuno se è stanco.

Come si svolge la prova?

All'interno di una sala visite con semplici apparecchiature.

Deve salire sulla cyclette o sul tapis roulant.

Il medico o l'infermiere Le posiziona degli elettrodi autoadesivi sul petto e uno sfigmomanometro.

Il medico spiega quindi il funzionamento dell'apparecchio e il ritmo da adottare.

Questi preparativi vengono seguiti da una prima rilevazione elettrocardiografica e dalla misurazione della pressione a riposo.

L'esercizio è progressivo, facile all'inizio, e poi progressivamente più intenso.

Deve cercare di esercitare uno sforzo costante per il maggior tempo possibile.

Riferisca come si sente. Il medico o l'infermiere glielo chiederanno regolarmente.

Alla fine dell'esercizio, deve continuare i movimenti per qualche minuto in assenza di resistenza per riprendersi dallo sforzo. La registrazione dei dati termina quando si ritorna ai valori normali.

Non è una prova dolorosa, ma richiede un po' di fatica.

La prova presenta dei rischi?

La prova da sforzo è ben codificata e inquadrata. Viene realizzata da un cardiologo assistito da un infermiere o da un altro medico. Il cardiologo si assicura che Lei non presenti alcuna controindicazione alla prova. Prima e durante la prova, il Suo cuore viene monitorato. Durante l'esame deve segnalare qualsiasi difficoltà o sintomo. Il rischi di comparsa di problemi cardiaci sono bassi e vengono prese tutte le precauzioni per evitarli.

Quanto tempo dura?

Da 10 a 15 minuti per la prova vera e propria e 15 minuti per i preparativi.

A chi mi devo rivolgere per eseguire questa prova?

È il Suo medico che decide il luogo adatto. La maggior parte delle volte si tratta di un locale ospedaliero con delle strutture di rianimazione nelle vicinanze, che permettano il trattamento di eventuali complicazioni.

E i risultati?

La maggior parte delle volte i risultati vengono forniti sul momento. Ove necessario, una copia del rapporto della prova di sforzo viene inviata al Suo medico curante. I risultati vengono discussi in occasione della visita successiva dal Suo medico curante.

 

Ti piace questo contenuto? Condividilo sui social:

30-9-2018